MITRAGLIATRICE SIA

La SIA ovvero SOCIETA’ ITALIANA DI AVIAZIONE; è una mitragliatrice progettata dal colonnello Ravelli; che sostituì la Villar Perosa, destinata ad armare le piccole unità di combattimento, fu distribuita con la previsione di dotare ogni compagnia di 8 mitragliatrici(2 per ogni plotone); ed è stata una delle mitragliatrici più originali della grande guerra.

Questa mitragliatrice ha un sistema di unione tra canna e castello tramite manicotto di giunzione; la canna è in nickel cromo con raffreddamento a 52 alette in alluminio che grazie anche all’aria raffreddano la canna dopo cadenze di tiro elevate. Il suo funzionamento è a massa battente a canna rinculante in calibro 6.5mm; il caricatore è bifilare in acciaio stampato con una capienza di 50 colpi la cadenza di tiro è di 500/600 colpi al minuto con una velocità alla bocca di 700 metri al secondo; con un tiro utile di 900m. L’arma è equipaggiata di treppiede in legno; non era molto affidabile in battaglia per via della scarsa precisione e inceppamenti frequenti (il cambio della canna dopo tot colpi era molto difficile); per farla funzionare bene aveva bisogno di una manutenzione frequente e una regolare lubrificazione del sistema di caricamento; questa mitragliatrice finì per essere utilizzata in addestramento all’esercito italiano negli anni 30 .

AGS-17

L’AGS che è l’acronimo di AVTOMATISHESKYI-GRANATMYOT-STANKOVYI è un lancia granate automatico che ha origine nell’Unione Sovietica, e progettato da Sovietin verso la fine degli anni 70; fu sviluppato dal ufficio di progettazione KBP e distribuito in 15 paesi (catalogata come arma comune in ASIA,AFRICA,SUD AMERICA E MEDIO ORIENTE); il permesso di produzione fu concesso a BULGARIA,CINA E IRAQ. Questo lanciagranate in servizio dal 1980 ha un funzionamento a massa battente a canna rigata e progettata per funzionare su treppiede, con alimentazione a nastro di 29 granate in calibro 30mm; la sua velocità alla bocca è di 187m/s e una lunghezza di circa 850mm e un peso di 30 kg. La canna di quest’arma è rimovibile con una cadenza di fuoco di 100 giri al minuto; esistono 2 versioni di questo lanciagranate AGS-17A e AGS-17D; quest’arma adotta un ottica con un ingrandimento di 2.5x con avvistamento fino a 1700m. L’AGS è un arma molto apprezzata dall’esercito russo e anche molto efficace e sicura all’utilizzo.

BXP 9X19MM

Questa pistola mitragliatrice Sud-Africana, sviluppata dalla compagnia MERCHEM a metà degli anni ’80;molto simile al MAC-10 e creato per la carenza di armi in Sud-Africa. Il BXP fu prodotto in acciaio stampato con un funzionamento a chiusura a massa meccanicamente molto simile all’Uzi con canna a 6 righe destrorse lunga 208mm, con un peso complessivo di 2,5kg, e filettata in volata per l’attacco del silenziatore le sicurezze sono ambidestre, il tiro a raffica si a premendo a fondo il grilletto oppure semiautomatico premendolo per metà; ha un caricatore da 22 o 32 colpi con una velocità di palla in volata di 380 M/S. Quest’arma è in dotazione alla polizia di Malawi in Sud-Africa, prodotto anche in versione solo semiautomatica per il mercato civile.

ITACA MODELLO 37

Questo fucile a pompa basato su un brevetto del 1915, ad azione slide ad espulsione inferiore; nacque per competere col Winchester 1912. Venne progettato agli inizi degli anni 30 e disegnato da JOHN MOSIS BROWNING; fu prodotto dall’azienda ITACA GUN COMPANY e inizialmente messo nel commercio come Remigton 17; L’ITACA è un fucile a pompa molto resistente e affidabile, con una qualità di costruzione eccellente, facile da usare e molto rapido da puntare, impugnatura a pistola e caricatore a 4,5,7 cartucce in diversi calibri (12,16,20,28).

Fu prodotto in 6 versioni e usato molto sia in uso civile che militare e anche di polizia; guadagnò molta reputazione nell’utilizzo in Vietnam e fu il fucile a pompa più prodotto della storia( ne sono stati prodotti più di 2 milioni di ITACA MOD37).