mcem-2 il prototipo

QUESTO FUCILE SPERIMENTALE, REALIZZATO VERSO LA FINE DELLA SECONDA GUERRA MONDIALE DAL PROGETTISTA POLACCO VIRZY PODSEDKOWSKY; FU UNO DEI PRIMI MITRAGLIATORI CON UN OTTURATORE CHE AVVOLGEVA LA CULATTA, E UN CARICATORE INTRODOTTO NEL IMPUGNATURA DELLA PISTOLA MITRAGLIATRICE (IDEA COPIATA DA UN FUCILE POLACCO CHE AVEVA LO STESSO DESIGN ERA IL FUCILE WZ.MORS). LA SIGLA MCEM STA PER MACHINE CARBINE EXPERIMENTAL MODEL; QUESTO PROTOTIPO APRI LA STRADA PER LA CREAZIONE DI PISTOLE MITRAGLIATRICI COSTRUITE MOLTO DOPO ESEMPIO IL WZ61 O MEGLIO CONOSCIUTA COME SKORPION OPPURE L’UZI; EBBE PURE DEI DERIVATI COSTRUITI DOPO LA GUERRA COME IL MCEM-4 E L’MCEM-6 MA ORA PARLIAMO DI LEI…….

L’MCEM-2 E’ UNA PISTOLA MITRAGLIATRICE A MASSA BATTENTE, CON UNA BUONA MANEGGEVOLEZZA E STABILITA’ NEL TIRO GRAZIE AL CARICATORE NEL IMPUGNATURA, E L’APPLICAZIONE DI UN SISTEMA DI RIDUZIONE DI VELOCITA’ DI TIRO INCORPORATA NEL UNITA’ DI INNESCO; NELLA MODALITA’ AUTOMATICA CHE RIDUCEVA LA CADENZA DI FUOCO DA 1000 COLPI A 600 COLPI AL MINUTO. QUEST’ARMA E’ DOTATA DI SELETTORE IN 3 POSIZIONI( SEMIAUTOMATICA/AUTOMATICA/SICURA); IL SELETTORE E’ POSTO DAVANTI AL GRILLETTO VICINO AL SISTEMA DI SCATTO, HA UN CARICATORE DA 30 COLPI IN CALIBRO 9X19MM E UNA FONDINA CHE FUNGE ANCHE DA CALCIO, TUTTAVIA DOPO QUALCHE ANNO FU SOSTITUITA COL FUCILE STERLING-PATCHETT.