Monthly Archives: aprile 2020

FUCILE FERGUSON

Patrick Ferguson per costruire il suo fucile, partì dalla base di un vecchio fucile; già in dotazione in quell’epoca che era il Chaumette. Il fucile di Ferguson aveva un sistema molto innovativo per l’epoca e anche sbrigativo in termini di tempo; in pratica il tiratore poteva accedere molto più velocemente alla camera di scoppio; solamente svitando la vite poteva versare la polvere stando attento a non rovesciarla tutta sulla vite, inclinando verso il basso la canna; questo sistema grazie alla vite permetteva di contenere i gas di sparo e avere un arma con molto più rateo di fuoco( Ferguson riuscì a spararci circa 6 colpi al minuto).

Questo fucile come precisione era vicino al Fucile Kentucky; ne produssero pochi( circa 200) per via che costava molto; quest’arma fu usata dall’esercito britannico, e in seguito sostituito col moschetto LONG LAND PATTERN.

IL FUCILE FERGUSON FU IL PRIMO FUCILE A RETROCARICA DIFFUSO IN AMBITO MILITARE.

25ACP(6,35x16SR)…

Qui parliamo di un calibro, che fu progettato da J.M.Browning agli inizi del 1900(per essere precisi nel 1905); il proietto è di tipo rimmless con innesco centrale boxer; la cartuccia sviluppa un energia pari ad 80/90Joule con picchi di pressione durante lo sparo che arrivano a 1200bar; la cartuccia è ritenuta affidabile quasi come un calibro 22 di solito viene camerata in armi di piccole dimensioni un esempio può essere la Browning Baby oppure la semiautomatica M1905 che fu anche la prima a camerare questo piccolo calibro; poi anche altre aziende uscirono con armi in questo calibro addirittura Remington nel 1922 esce con il modello 24auto camerato solo per il calibro 22; oggi non esiste fabbrica d’armi conosciuta che non abbiano armi fabbricate in questo calibro.