Monthly Archives: giugno 2020

260 REMINGTON

Questa cartuccia introdotta dalla Remington verso la fine degli anni 90; deriva dal 308Winchester infatti se guardiamo la sua denominazione metrica che è (6.5x51mm) e la confrontiamo con quella del 308WIN(7,62x51mm) vediamo che la lunghezza del corpo della cartuccia è identico, però a livelli di prestazioni ci avviciniamo di più al 6,5creedmoor infatti abbiamo una velocità alla bocca pressappoco uguale però con caricamenti pressori molto più elevati, dando risultati ottimali con polveri a combustione medio lenta; questa cartuccia fu promossa dalla Remington all’uscita come compatta ad azione corta, e riconosciuta dal C.I.P nel 1999 che ne ha fornito le specifiche : ha una velocità alla bocca che varia da 860m/s a 900m/s; la sua pressione massima consentita è di 4.137 BAR.

In ambito caccia è ottima per il cervo, e se ricaricata raggiunge un ottima espansione a 140grani; il più grande pregio di questa cartuccia sono le tolleranze che consentono un ottimo cameramento nel fucile in cui sta meglio cioè il 700 Remington.

UN ARMA RUSSA VERAMENTE STRONG!

Questa pistola russa nata per sostituire la Steckin APS; e progettata da Igor Steckin nel 1995 e prodotta dalla KBP ISTRUMENT- DISIGN- BUREAU; basandosi sul modello precedente OTS23.

L’arma è camerata per il 9×18 Makarov, adotta un funzionamento a massa battente ed è una vera e propria pistola mitragliatrice con un rateo di fuoco da 800 colpi al minuto, e selettore di tiro per andare da full auto a semiautomatico; la ots33 è dotata di caricatore maggiorato da 27 colpi o caricatore standard da 18; c’è la possibilità di montagli sia silenziatore che torcia tattica o puntatore laser; il suo tiro utile si aggira sui 50m.