Monthly Archives: settembre 2020

LA BREN TEN

FINALMENTE LA MIA SEMIAUTOMATICA PREFERITA.

La Bren Ten è una pistola semiautomatica realizzata da Dornaus&Dixon, questi due progettisti per ideare il progetto andarono a chiedere consiglio a uno degli esperti dell’epoca cioè JEFF COOPER un comandante famoso per essere il padre del tiro a segno; il progetto iniziò prendendo una CZ75 modificandola pesantemente rendendola molto robusta e anche potente; Cooper insistette per la scelta del calibro, che doveva essere camerata in un calibro da fucile riadattato per arma corta denominato 40Special per poi rinominarlo 10mmAUTO come il nome dell’arma stessa che in principio si chiamava COMBAT SERVICE che dopo la nomina di 10mm auto divenne ufficialmente BREN TEN.

La Bren Ten fu la prima semiautomatica a camerare il 10x23mm o 10mm auto; adotta un funzionamento di tipo Browning Modificato; il sistema di sicura è molto simile a quello adottato da CZ in pratica grazie a una levetta posta sul fusto dell’arma quando è inserita blocca la catena di scatto e di conseguenza il grilletto( questo tipo di sicura permette di portare l’arma a cane armato con sicura inserita);avendo il cane esterno l’arma funziona sia in singola che in doppia azione, le guancette sono in nylon(credo non rimovibili) e le mire sono fisse.

L’arma prese nomea in Italia anche grazie alla serie MIAMI VICE, il calibro invece venne usato per la creazione di un altro calibro molto famoso che è il 40S&W(anche perché il 10mm è un calibro molto aggressivo e l’arma era difficilmente gestibile per la sua enorme potenza).

SE SIETE INTERESSATI ALLE SERIE TV E SAPERNE DI PIU’ SU MIAMI VICE ANDATE NEL SITO DI LUCIUS ETRUSCUS…..GRAZIE

7,65x21mm

Questa cartuccia di tipo Rimmless basata sul 7,62×25 fu negli anni a dietro la munizione più potente nel mercato civile(roba da matti fa quasi ridere come una volta i civili avevano briciole);la munizione fu progettata per essere camerata in armi come la Luger modello 1900 e fu adottata come munizione standard per l’esercito svizzero.

Le sue dimensioni per fare un esempio pratico è un 9×19 ridotto infatti per dare alla luce il 9×19(che in Italia l’hanno fatto diventare il calibro barzelletta perché la legge è chiara ma ognuno dice il cavolo che li pare!);gli fu ristretto il fondello del bossolo e reso più capiente il corpo della cartuccia togliendo la spalla facendolo diventare troncoconico.

FEG AMD-65

Questo fucile d’assalto fu prodotto dalla fabbrica d’armi FEG(FEGYVER E GEPGYUR); che fu fondata nel 1891 di cui la sua più grossa produzione di armi da fuoco ci fu prima della seconda guerra mondiale; ma tornando al fucile che in pratica è un altra variante del AKM seguito da altre varianti simili che nacquero per rimpiazzare le vecchie armi in dotazione in Ungheria.

Il progetto parti con il ricevitore superiore di un AK47 con dei pezzi di un clone del AK55, quest’ultima fu rimpiazzata dal AK63 che fu poi la base per il fucile AMD-65 a cui acronimo sta per (MODOS-TOTT-DESZANT); ciò che lo differenzia dalle altre varianti è la canna più corta ed il calcio abbattibile, il fucile camera la stessa cartuccia del ak47 e anche il funzionamento credo sia molto simile(credo sempre metastabile a presa a gas); il difetto più grande sono le impugnature che sono 2 e vengono montate contrarie proprio per non dare fastidio al caricatore, che per l’appunto si fa fatica a togliere e mettere.

Comunque il caricatore può ospitare fino a 30 cartucce, può ospitare lanciagranate di tipo AMP-69; RIMASE IN SERVIZIO FINO AL 2006.

(FU USATO NEL SET DEL FILM RAMBO 3).

SI PUO’ VEDERE SIA IL CALCIO ABBATTIBILE E ROMPIFIAMMA STILE UZI.