Monthly Archives: ottobre 2020

GARANT M1 – BM 59

Il garand m1 è un fucile che appartiene al gruppo delle armi semiautomatiche, il sistema del garand costituisce un massiccio manicotto prismatico in acciaio ,che nella parte frontale è dotato di 2 alette, quando l otturatore arriva al massimo punto di avanzamento può compiere una piccola rotazione in senso orario la quale fa si che le due alette di cui e dotato si inseriscono cosi nel castello. La pressione della carica di lancio accesa dal innesco tramite azione del percussore costringono il proiettile ad entrare nella canna e iniziare il suo moto giroscopico attraverso la rigatura della canna. Il garand e l evoluzione del fucile Springfield 1903, che adottava 5 carucce contro le 8 del garand . Il sistema di alimentazione del garand non sporge dalla parte inferiore del arma risultando cosi esposto alla sporcizia ,le cartucce sono disposte su due file sfalsate la piastrina è perfettamente simmetrica ciò significa che può essere inserita ambo i lati. Con l adozione da parte della alleanza atlantica nel 1954 della cartuccia 7,62mm ; in molti paesi cominciarono studi volti ad adottare un nuovo fucile di moderna concezione . Il nuovo calibro 7,62mm, veniva impresso dietro alla diottra del fucile insieme al nome del arsenale che ha fatto la trasformazione . Per tiratori scelti adottarono M1D nel 1944, che si differenziava per il suo blocco prismatico presente sulla parte superiore della canna. Il garand che ricevette la denominazione di modello 51 che fu in un primo momento prodotto dagli usa poi più avanti anche in Italia. La costruzione italiana fu affidata alla beretta con la quale produsse il suo BM59 era il risultato di molti studi fatti da beretta ma soprattutto da Domenico Salza per giungere a inconvenienti strutturali che aveva l originale ; i punti di forza del BM59 erano l alimentazione costituita da 20 colpi invece di 8 come il garand, del BM59 ne seguono 3 versioni:
BM59ital: calcio in legno con impugnatura integrata e canna da 490mm
BM50italalpin: calcio in metallo pieghevole con impugnatura a pistola
BM59italparacadutisti:come il precedente ma con canna da 467 mm tromboncino-compensatore asportabile per ridurre l’ingombro.

 

uh

OTS-02 KIPARIS

Questa pistola mitragliatrice progettata nel 1972 da TS KIB SOO, e commercializzata per la polizia russa fu sviluppata da N.M AFANASYEV e distribuita credo dal KGB negli anni 90; è un arma in acciaio stampato con impugnatura in gomma dura o plastica dura( molto simile a UZI o similari la minestra è sempre quella); camerata per il 9×18 POLICE con caricatore da 20 o 30 colpi; un pregio come tutte queste armi è che hanno una raffica molto sostenuta e pur essendo a massa battente il peso non è eccessivo( si tiene anche con una mano sola quindi potrebbe essere anche catalogata come arma corta a calcio abbattuto).

L’OTS-2 come l’UZI nominato prima può montare accessori come punto rosso o silenziatore; è dotata di selettore di tiro in 3 posizioni (sicura/semiauto/auto); a calcio abbattuto misura 375mm e la canna ha una lunghezza di 157mm.