Monthly Archives: novembre 2020

SKORPION”VZ61″

vry

I primi esemplari di Skorpion apparvero negli anni 50′, il suo nome originale era samopal VZ 61; all’inizio prese la denominazione di VZ59 ma poi vista l’adozione delle forze militari diventò la denominazione ufficiale VZ61(la sigla VZ sta a significare modello).Questa “pistola mitragliatrice” era camerata per il 32 ACP (7,65mm browning) ha un caricatore amovibile da 7 colpi, con una cadenza di tiro di 840 colpi al minuto.

bat

Dispone di un calcio ripieghevole scheletrato; esiste pure una versione con silenziatore incorporato. Quest’arma è tanto letale, quanto pratica ed è abbastanza piccola da essere portata in fondina; in campo militare è destinata per gli equipaggi nei carrarmati e visto che è facilmente occultabile anche le organizzazioni terroristiche ne fanno largo uso.

La SKORPION funziona per base diretta dei gas a chiusura labile, esiste pure una versione una versione in 9 corto di quest’arma.

CARATTERISTICHE

L’arma è dotata di un selettore a 3 posizioni (sicura)=0, (colpo singolo)=1,(raffica)=2.

LA MODIFICA PIU IMPORTANTE PER CONTROLLARE LA STABILITA’ DI TIRO E’ UN PERCUSSORE MOBILE AZIONATO DAL CANE CHE IN PRATICA FUNZIONA COME UN COMUNISSIMO FUCILE D’ASSALTO. CONCLUDENDO DIREI CHE E’ UN OTTIMA ARMA AFFIDABILE, SEMPLICE E PER QUESTO ANCORA MOLTO DIFFUSA.

UNA 1911 MESSICANA

Qui in alto nel immagine potete ammirare la Obregon, questa pistola semiautomatica progettata da Alejandro Obregon e brevettata nel 1934 in Messico per poi arrivare pure negli Stati Uniti 1938 è in pratica la copia spudorata della 1911 progettata da J.M.Browning con la differenza che la obregon adotta lo stesso sistema di funzionamento della Steyer M1912 cioè a otturatore rotante, e la sua gemella americana ha un funzionamento Browning modificato; però per il resto è quasi uguale si pensi che pure il caricatore è intercambiabile essendo quasi identico, il calibro è il 45ACP che è camerato pure nella 1911, insomma l’arma è carina solo che c’era già infatti non ebbe molto successo; ne furono fabbricati un quantitativo piccolo dalla fabbrica Armas Mexico.

SC70/90-AR70/90-AR70/223

L’AR70 fu sviluppato dalla fabbrica d’armi beretta in collaborazione con la Sig svizzera nel 1968(il modello iniziale apparve negli anni 70′), poi conosciuto come AR70/223 che si distingue dal modello successivo AR70/90; che era la versione migliorata del AR70/223 e venne alla luce nel 1985. Rispetto alla prima versione l’AR70/90 gli erano state apportate alcune modifiche(il tipo di impugnatura zigrinata invece che liscia, l’attacco della baionetta, e il cambio di posizione dello sportello para polvere che era orizzontale invece che verticale).

frettu

L’AR70/90 fu adottato come fucile di ordinanza standard in calibro 5,56×45 e andò a sostituire il vecchio BM59; l’AR70 fu prodotto in 3 modelli ed erano tutti in stile AK e come lui era molto difficile che si inceppava; beretta apportò anche modifiche di rinforzo nel AR70 per assicurare l’appoggio del otturatore in chiusura con il risultato di un arma funzionale e sicura, l’ultima versione che era il SC70/90 il castello in lamiera stampata in acciaio come il 70/90 e assomigliava molto al SIG-530 che poi presero spunto per dar vita al nuovo beretta ARX160. Il 70/90 era un fucile con funzionamento metastabile a ricupero a gas con canna da 9 pollici e poteva ospitare qualsiasi caricatore con standard nato da 30 colpi(la leva di sgancio del caricatore era posta dietro allo stesso come nel BM59), diottra regolabile in 2 posizioni e kit di pulizia presente in un alloggiamento al interno dell’impugnatura, l’HOLD OPEN era posto nella parte sinistra del castello e di sgancio del caricatore con sicura ambidestra. Tutti i modelli potevano montare lancia granate da 40mm tipo M203 o GLX160.

(L’UNICO DIFETTO SOPRATTUTO NELLE PRIME 2 VERSIONI ERA LA MANETTA DI ARMAMENTO CHE TENEVA UNITO IL CARRELLO AL PORTA OTTURATORE ALL’ASTA DI ARMAMENTO SE QUESTA PARTE SI DANNEGGIAVA IL FUCILE DIVENTAVA INUTILIZZABILE) il fucile nelle prime versioni era a calcio fisso a differenza dell’ultimo che ne fu adottata una variante a calcio ripiegabile.