Monthly Archives: novembre 2020

La Bochardt C93

Ugo Bochardt progettò questa pistola che fu la prima pistola auto caricante; che era basata sull’azionamento della mitragliatrice maxim nel 1893.

Come si vede nella foto la Bochardt; aveva una chiusura corto rinculo a ginocchiello(azionamento a ginocchiello si piega durante lo sparo, grazie a un grosso giunto); questo funzionamento era in sé difettoso, e portava l’arma ad un forte rinculo, fu camerata su un calibro basato su una vecchia cartuccia tedesca che era il 7,92x57mm Mauser da cui nacque il calibro7,65×25.

La C93 prodotta dalla LUDWIG LOEWE & COMPANY fu la prima pistola prodotta in larga scala; con costi di produzione alti, l’arma era venduta negli STATI UNITI ad un prezzo di 30$ con la sua fondina in pelle e con gli attrezzi di pulizia e manutenzione a 5$ venduti a parte.

L’arma aveva un caricatore a 8 cartucce con canna troncoconica, la portata utile dell’arma con calcio abbinato era di 700m, la lunghezza totale della canna era di 165mm con mirino triangolare. L’arma fu perfezionata da Luger agli inizi del 1900 e nacque la P08 (la pistola di Lupen) e fu prodotta in milioni di esemplari.

la cartuccia

“la cartuccia è l innovazione di raccogliere un unico modulo di sparo 3 elementi semplificando il riarmo e anche il trasporto delle munizioni”
Gli elementi da carica contenenti nelle armi da fuoco sono contenute nella cartuccia e sono dotate di apparecchio di innesco ,carica della polvere , il borraggio, e il proiettile che racchiude tutto. L’ innesco ha il compito di accendere la polvere al inizio dello sparo in gran parte dei casi e posto al centro del fondello, e dicesi centrale , oppure anulare (fuoco sul bordo). Una cartuccia molto famosa è il 22LR. Questi due sistemi vengono definiti anche BERDAN o BOXER ; berdan a 2 fori usato x scopi bellici ,boxer un foro solo un esempio può essere la percussione centrale anche definita boxer innescata di solito usata per cartucce a scopi civili. Per le armi ad anima liscia esistono altri 2 tipi di innesco uno comune il cui fondo del porta capsula e ripiegato con vertice contro la capsula e l’altro di sicurezza quando il fondo del alveolo fa parte a se e l incudinetta, porta due risalti laterali di arresto che mantengono una certa distanza dalla miscela fulminante perciò l urto deve essere esattamente centrale per farla detonare.
Il borraggio
Si applica sui bossoli di cartone si intende borraggio, l insieme di elementi e il modo di disporli nella cartuccia di solito la bora assume la forma cilindrica , quando inizia la combustione della polvere e lo sviluppo dei gas la bora inizia il suo movimento che viene trasmesso ai pallini ; quando la pressione vince il forzamento e svolge l orlatura la bora inizia a muoversi
La capsula fulminante
La vera rivoluzione avvenne con la capsula fulminante composta da un bicchierino metallico contenente fulminato di mercurio , questo sistema permetteva una conversione economica a pietra focale rimuovendo il copri scodellino e la relativa molla.
La rigatura
Le origini della rigatura sono incerte ma pare inventata in Germania per opera di Gaspard Koller o di Angus Kotter. Inizialmente la rigatura era dritta ma poi si inizio a renderla a spirale dando al proiettile il suo moto giroscopico e cosi facendo di avere una traiettoria .
Curiosità
La prima munizione caricata a polvere senza fumo fu la 8x50R del 1886 che scagliava il proiettile a 630M/S SE PRENDIAMO IN CONSIDERAZIONE I MODERNI CALIBRI IPER VELOCI POSSIAMO OSSERVARE CON CANNE E PASSI DI RIGATURA 25,4 CHE COMPIONO 4900 GIRI AL SECONDO IN QUESTE VELOCITA’ IL PROIETTILE 8X50R SI DISINTEGREREBBE PE EFFETTO DELLA SOLA FORZA CENTRIFUGA.
BLINDATURA
Un proiettile si definisce blindato quando risulta costituito da un nucleo di piombo con qualche minima
Quantita’ di antimonio,la blindatura ricopre tutta la superfice del proiettile escluso quella basale.
La stessa è costituita da una lega di rame e piombo che si può definire anche (CUZN 10 E 28)

Dal punto di vista della struttura interna i proiettile si divide :

blindatura irrobustita rame e zinco (CUZN 28)

nucleo di tungsteno che può essere composto da un solo metallo duro ,oppure da una parte posteriore di piombo e una pare di percentuale di antimonio (CUZN 10).

 

 

 

 

 

8X50MM LABEL

freubo

Il calibro 8x50R mm Label, è un calibro che nasce a pari passo con un fucile; il 1886MLE. Questo calibro deriva DAL 11MM GRAS(11X59R)infatti ne conservano il collarino; esistono 2 versioni di questo calibro una è la versione per il fucile 1886MLE cioè 8×50 Label, e l’altro per revolver cioè(8x27mm). Questi 2 calibri diversi tra di loro e assolutamente non intercambiabili; e a differenza del calibro da fucile quello da revolver non e mai stato usato in ambito militare.cudero

Esistono 5 varianti di questa cartuccia ma quella originale progettata da NICOLAS LABEL, camerata nel fucile 1886 a palla troncoconica di tipo wancutter(BALLE M)che M sta per MAILLECHORT. La versione migliorata del originale cioè la (BALLE D) che D sta per DESALEUX, messa appunto nel 1898 con proiettile in ottone che migliorava le prestazioni a lunga distanza; poi con le altre tre versioni ci furono ulteriori modifiche per aumentarne le prestazioni; come la versione del 1932 con camiciatura in acciaio chiamata (BALLE N)fino ad arrivare al proiettile perforante con la (BALLE P). Questo calibro non fu mai usato per la caccia ed è obsoleto da oltre 64 anni………….

COLT’S DIAMONDBACK

Questo revolver prodotto negli Stati Uniti, dopo la metà degli anni 60; l’arma è molto somigliante al famoso Colt Python in versione rimpicciolita, uscì in versione deluxe il modello Diamondback e camerato in due calibri 22LR( che visto il suo rinculo estremamente moderato, fu utilizzato per l’addestramento di reclute inesperte); l’altro calibro è il 38Special ed infine fu camerato per un altra cartuccia( ma era usata solo dalle forze di polizia, ed è per questo che prima ho detto due invece di tre), la cartuccia è il 357 magnum.

Sul lato tecnico il revolver è a doppia azione con tamburo a sei colpi; viene prodotto con canna da 4 e 8 pollici, i mirini sono totalmente regolabili, il cane è seghettato sul dorso per un maggiore grip( nel caso si voglia un tiro pulito in singola azione armando il cane col pollice); il peso di scatto dell’arma si aggira intorno al chilo e quattrocento grammi.

QUESTO REVOLVER FECE MOLTO SUCCESSO TRA GLI APPASSIONATI E ANCHE NEGLI ANNI DI PRODUZIONE( CHE FINI NEL 1988) ERA MOLTO RARA.

IL REVOLVER VENIVA VENDUTO A UNA CIFRA PARI A 650 DOLLARI.