5,56x45mm/223REM

ss109

Il 223 Remigton, che poi sarebbe la versione civile del 5,56×45 deriva dal calibro 222 Remigton(oppure SS109 con palla camiciata da 62 grani). questa cartuccia F.M.J è una cartuccia standard per mitragliatrici leggere; fu progettata dalla Remigton nel 1977 e adottata dalle forze dell’ ordine come munizione NATO nel 1980.certu

La SS109 è la variante belga con palla in acciaio, fu infatti prodotta dalla FN(fabriche national)questa cartuccia fu la seconda cartuccia standard a mio avviso più usata dopo il 7,62×51.

AR-18

AR-18 fu prodotto dalla Armalite in California (progettato da Arthur MILLER e Eugene STONER), e sviluppato da Smith&Wesson per competere con l’M16; e anche come alternativa all’AR-15. Questo fucile d’assalto ha un sistema a pistone a gas, molto resistente ad incrostazioni (la stessa configurazione a sette alette di bloccaggio molto simile all’ar15); però rispetto all’ar15 grazie all’utilizzo di lamiera e acciaio stampato per formare la carcassa e il corpo dell’arma, aveva più tolleranze meccaniche. La produzione dell’ AR-18 iniziò nel tardo 1970, non fu mai adottato da eserciti o forze armate come fucile standard in qualsiasi nazione; nel mercato civile entrò con la denominazione di AR-180 tra il 1969 e il 1975; questo fucile era molto meno costoso di un M16, e in certi versi anche più performante, anche se su certe cose hanno preso spunto tipo l’impugnatura che era simile all’M16 ma solo più inclinata. Il fucile è in calibro 5,56x45mm con canna realizzata con un processo di nitro carburazione ferrica, ha una rigatura della canna a 6 linee destrorse un alimentazione del caricatore da 20 a 40 colpi; una cadenza di tiro di 750 colpi al minuto. In pratica l’ar-18 era una versione ridotta dell’m16 (quest’arma allo stato di prototipo si verificarono problemi di alimentazione e rotture dei componenti).Fu usata una versione a calcio pieghevole da ARNOLD-SCHWARZENEGGER nel film Termination.

M16

ideato dal progettatore Eugene Stoner fu prodotto inizialmente dalla fabbrica armalite con la sigla iniziale di Ar-10  che adottava il calibro 7,62 poi con l adozione del fireball  5,56 il risultato fu l Ar-15. la ricerca della munizione intermedia è iniziata nella seconda GUERRA MONDIALE con la messa appunto del calibro 7,92×33 Kurz utilizzato nel STG44 tedesco proseguita 7,62 sovietico e il 308 americano per poi arrivare al 5,56×45 pio diventato nato per la variante SS109 belga. gli stati uniti furono i primi ad adottare questo calibro utilizzando il fucile AR-15 ottenuto alleggerendo l AR10. nel 1966 nacque M16A1 in seguito l aggiunta del bloccaggio del otturatore dopo la guerra del Vietnam e fu considerato come l AK47 del occidente. il sistema di ricupero del M16 e diverso da quelle delle armi a presa indiretta , agisce sul complesso del otturatore in varie maniere operandone sullo svincolo della culatta ; nel M16 i gas vengono semplicemente spinti al interno del porta otturatore  per ,mezzo di un tubetto in acciaio inox i gas una volta introdotti in una camera e si espandono spingendo indietro operando cosi su una camma che fa ruotare la testa del otturatore e la sblocca dalla posizione di chiusura. la pressione del grilletto causa lo sgancio del cane dal dente d arresto , il cane quindi spinto dalla sua molla agisce colpendo sul innesco e determinandone lo sparo.

ACR(ADAPTIVE COMBAT RIFLE)

Prodotto dalla BUSHMASTER FIREARMS INTERNATIONAL; e progettato nel 2006 dalla MAGPUL, questo fucile d’assalto a funzionamento metastabile a presa a gas a otturatore rotante; presenta particolarità che è l’affidabilità data dal design del porta otturatore che è multi calibro; ma la modifica più importante apportata a questo fucile fu la spostamento della leva dell’otturatore a 7 tenoni radiali, cè anche da dire che il tubo della presa a gas è integrata nella canna in acciaio, realizzata per rotomartellatura a freddo con rompifiamma per il montaggio di silenziatore; l’impostazione di questo fucile a due semi castelli è praticamente quella del famigerato M16 anche il pacchetto di scatto è lo stesso, inoltre il caricatore in stile STANAG 4179 è anche lui compatibile col M16.

Il fucile in sé; è un ottimo contendente per la sostituzione dell’M4 ed essendo molto affidabile e compatto, le sue parti mobili sono contenute in un gruppo monolitico; il peso da scarico non è eccessivo si aggira intorno ai 3,5kg è dotato di selettore di tiro in 3 posizioni con una cadenza ciclica in modalità FULL-AUTO di 800 colpi/al minuto; nasce in calibro 5,56×45 ma grazie al il porta otturatore multicalibro può sparare altre munizioni esempio il 7,62×39 o M43sovietica

M27 INFANTRY AUTOMATIC RIFLE

Questo fucile d’assalto, progettato per sostituire la mitragliatrice M249 anche denominata MINIMI; per avere un modesto rateo di fuoco e una maggiore portabilità e manovrabilità nell’uso e anche precisione, ma con un rateo di fuoco minore rispetto alla M249.

Il progetto iniziò nel 2008 l’idea in fase di progettazione era di fare una mitragliatrice che aveva tutte le caratteristiche di manovrabilità e portabilità, ma con caricatori da 100 colpi che poi si dimostrarono inaffidabili; infatti poi tornarono ai classici 30 colpi con caricatori STANAG( i caricatori di questo fucile sono compatibili con tutti quelli di standard NATO, e compatibili anche con accessori di M4 o M16); L’M27 ha un ergonomia molto simile all’M16A4 e deriva dal fucile sempre H&K il G36; si perché M27 è la denominazione americana dell’H&K416.

M27 è un arma leggera in 5,56×45 con un funzionamento metastabile a pistone a gas a otturatore rotante; la canna rispetto a un M4 è più lunga per la dispersione di calore; adotta un selettore di fuoco in tre posizioni(AUTOMATICO-SEMIAUTOMATICO-SICURA); il peso a vuoto è di 3,6 kg e un rateo di fuoco di 700/900 colpi al minuto; entrò in servizio nel 2010.