IL REVOLVER? ARGOMENTIAMO!

Il revolver è un arma corta della categoria dei basculanti; infatti possiamo tranquillamente definire il funzionamento del revolver stabile; in principio i primi revolver erano trappole infernali ovviamente ad avancarica( sono quelle armi che vengono caricato dal vivo di volata); in questa arma da fuoco abbiamo due funzionamenti: il primo è quello a singola azione, dove dobbiamo sempre agire sul cane per doppiare il colpo; e poi abbiamo la doppia azione dove non serve armare continuamente il cane ma per doppiare il colpo basta solamente premere la leva di scatto una seconda volta( oggi questo sistema è utilizzato per lo più in armi a cane interno; e inoltre solitamente sono dotate solo di sicura al percussore); ma il più diffuso in assoluto è l’azione mista dove puoi agire sia in singola che in doppia azione. Ok però adesso basta tecnicismi prendiamo in esame un revolver per capirci di più: prendendo come spunto il revolver modello 1895 ovviamente di fabbricazione Colt dove il tamburo è collegato al castello per mezzo di un astina ed una cerniera che permette al tamburo di basculare( in questo caso verso sinistra); questa astina ha il compito di fare anche da perno per permettere al tamburo di girare; dove all’estremità posteriore troviamo l’estrattore dotato di una molla che facendo resistenza permette allo stesso di tornare in posizione iniziale, in fine il tamburo è trattenuto nella carcassa del arma da una “chiave” non è altro che un incastro che lo tiene li quando è allineato alla canna, ma non influisce con la rotazione dello stesso… ovviamente il tamburo è dotato di blocchi di sicurezza e questi sono fondamentalmente tre: la prima è una molla inserita nel retro dell’estrattore di solito a stella, la seconda come nel nostro caso dove si blocca nel castello attraverso o un astina oppure la “chiave”; la terza sulla parte terminale del eiettore si blocca all’interno di un pistoncino insieme a un contrappeso sotto la canna( il più delle volte sono sistemi combinati).Però possiamo avere anche fucili con questo sistema, appunto chiamati con sistema a scoppio rotante su in perno; in pratica in questi abbiamo la culatta che funge da elemento separato però incernierata alla canna sul retro apposta per consentire la rotazione del tamburo e il caricamento.

Pubblicato da armiere guns

un articolo al giorno su armi e funzionamento.....

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: