MITRAGLIATRICE VILLAR PEROSA E MAB 18

Questa mitragliatrice con la denominazione ufficiale FIAT MOD.1915; progettata da ABIEL BELTHEL RAVELLI in Italia. Quest’arma sparava munizioni da pistola il 9×19 GLINSENTI e univa la cadenza di fuoco di una mitragliatrice all’arma portatile con la sua evoluzione che fu ottenuta montando la canna e la culatta su un moschetto in legno, che poi fu il primo mitra della storia. La mitragliatrice aveva un funzionamento a chiusura labile ritardata a otturatore rinculante, era priva di disconnettore quindi impossibile fermare la raffica se non alla fine dei colpi nel caricatore che duravano un paio di raffiche. La fiat mod 1915 aveva dei limiti evidenti sia in difensivo che in offensivo(es. scarsa potenza delle munizioni, gravi problemi di raffreddamento, capacità  del caricatore limitato); un altro difetto era il rumore allo sparo che venne soprannominata pernacchia, le canne erano in acciaio nichelato a 6 righe destrorse lunghe 320mm in grado di sostenere raffiche da centinaia di colpi con pause di pochi minuti(l’usura della canna si aveva dopo 24mila colpi); si aumentò la fiducia dell’arma applicando uno scudo a livello offensivo che poi venne eliminato per il troppo peso. Questa mitragliatrice benché avesse molti difetti ebbe un ruolo molto importante a livello mondiale anche se mai compresa a pieno. Dopo l’uscita e l’adozione di questa per me interessante mitragliatrice, nacque l’esigenza per i soldati di un fucile d’assalto così Beretta grazie al genio di Tulio Marangoni; la mitragliatrice Villar-Perosa fu divisa in due ottenendo due mitragliatrici distinte, ma inoltre gli fu modificato anche il sistema di funzionamento applicandoli un selettore di tiro; che poi non era altro che il grilletto(per la verità 2 grilletti ), in pratica il primo grilletto cioè quello anteriore se veniva premuto sparava in modalità semiautomatica, invece se veniva premuto singolarmente il secondo cioè quello posteriore l’arma sparava in modalità automatica; l’arma come la mitragliatrice in precedenza era a massa battente, il caricatore era abbastanza capiente per un massimo di 25 colpi nel calibro 9×19 Glinsenti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.