PROIETTILI WADCUTTER

Questa munizione con bossolo cilindrico a testa piatta; le caratteristiche di questa cartuccia permettono un rinculo poco rilevante; e poca aerodinamicità e poco rumore all’atto di sparo, in volo con una velocità subsonica al di sotto dei 300m/s; sono disponibili tre calibri e due versioni indicate con differenti sigle: a testa piatta con la sigla WCBB(WADCUTTER BEVEL); e a punta cava con la sigla WCHB(WADCUTTER HALLOW BASE); per quanto riguarda i calibri sono tre 38/32/9mm/7,65mm. Questi proiettili sono usati molto nelle competizioni perché grazie alla testa piatta fustellano la carta permettendo un ottima lettura del punteggio.

DUE PAROLE SULLA SKODA 1909!

Questa mitragliatrice Austro-Ungarica, progettata da VON-DORMUS a massa battente a raffreddamento ad acqua a ritardo di apertura; la Skoda nasce per competere con la mitragliatrice tedesca Schwarzlose; entrò in servizio nel 1909 e questo modello non aveva problemi di alimentazione come nei modelli precedenti e molto più semplificata, e alimentata con nastri da 250 colpi e un rateo di fuoco da 450 colpi al minuto; con un peso che si aggira intorno ai 20kg. Era in calibro 8x50MMR, di questo modello ne furono realizzate molto poche e uscì dal servizio militare nel 1918.

VLOG SUL LAW M72

Questa arma anti-carro fu sviluppata nel 1958 presso l’arsenale di Redstone, e prodotta dal 1963 al 1983 e adottato per la prima volta dal esercito americano; per la guerra del Vietnam. Il lanciarazzi aveva un sistema a propulsione a due stadi apposta per lanciare un razzo da 66mm, andò a sostituire il bazooka ma vista la sua poca efficienza contro i carrarmati; tanto che ci furono successori per la scarsa stima dei soldati statunitensi che lo reputavano poco efficace. L’arma in questione ha una gittata di circa un km, la velocità dell’razzo si aggira intorno i 150m/s; era molto pratico e leggero; era monouso e non aveva rinculo (le versioni più recenti risalgono al 1990).

spandau mod 08/15

Questa mitragliatrice è praticamente un riadattamento della mitragliatrice Maxim, con raffreddamento ad acqua che avevamo già visto nella mitragliatrice italiana della fiat(Revelli 1914 ); molto più leggera della precedente e progettata per un utilizzo in squadra di 4 persone; fu costruita in varie versioni di cui la copia cinese che è il tipo 24 entrata in servizio dopo il modello “originale” cioè ben 3 anni dopo; il modello in questione entrò in servizio nel 1908 fino al 1945; un altra versione di questa mitragliatrice è quella per i velivoli che di solito veniva montata sull’ala fissa; la versione più devastante secondo me era quella anticarro cioè MG08 TUF camerata per il calibro 13,2x92mm. L’arma aveva un funzionamento a corto rinculo con una cadenza di 500colpi al minuto, alimentata con nastri di tela da 100 e 250 colpi in calibro 7,92x57Mauser; dotata di supporto a 3 piedi e mirino nudo con la possibilità di montarci un ottica periscopica. Il nome Spandau deriva dall’luogo di produzione ma soprattutto dal arsenale governativo che era quello di Spandau, e da li il nome; invece la sigla tedesca MG è l’abbreviativo di MASCHINENGEWER E 08 è LA DATA DI PRODUZIONE. Nel 1915 fu apportata una modifica per rendere più fluida la raffica che appunto sembrava una museruola e da li venne soprannominata come il richiamo della museruola; difatti era talmente dirompente che fece una vera e propria carneficina durante la guerra tanto che i soldati dovettero scavare delle trincee per ripararsi dalla moltitudine di colpi sparati; e divenne anche la mitragliatrice più usata nella prima guerra mondiale.