Mese: novembre 2019

MP-448 SKJPH

Questa piccola semiautomatica russa, progettata da DIMITRY BOGDANOV negli anni 90 è una versione migliorata della Makarov, l’arma è polimerica come dimensioni è più piccola della Makarov, fece la sua prima apparizione ad una mostra nella citta di Mosca nell’anno 2000.

La MP448 ha un costo più elevato della Makarov; ha un funzionamento a massa battente con caricatore da 8 a 12 colpi (8 per la versione mini); esistono tre varianti di cui una in 9×18 Makarov( che ricordo che il 9×18 Makarov è molto simile al 9×17 o 9 corto come prestazioni balistiche); la altre due versioni sono in 9 corto.

DUE PAROLE SU UN LANCIAGRANTE CINESE

IL TYPE 91 E’ UN LANCIA GRANATE PRODOTTO IN CINA, UTILIZZATO PER MUNIZIONI NON LETALI CON CARICAMENTO A POMPA, A COLPO SINGOLO; SECONDO ME IL CLONE DELL’AMERICANO M203 PERCHE’ SONO PRATICAMENTE IDENTICI. QUEST’ARMA ALLOGGIA GRANATE DA 35MM; UNA VARIANTE DI QUESTO LANCIAGRANATE VIENE MONTATO SUL FUCILE D’ASSALTO CINESE TYPE 56.

VITYAZ SN

Questo fucile d’assalto di origine russa basato sul AK74; a funzionamento a chiusura a massa a otturatore chiuso, molto simile all’AK per alcune caratteristiche tipo l’asta guida molla e per il caricamento, fu introdotto per la prima volta negli anni 90 camerato per il 9×18 Makarov, poi sostituito col il 9×19 nelle successive due versioni di cui una aveva la canna filettata per montarci il silenziatore ed il calcio poteva abbattersi lateralmente; la terza ed ultima versione che è la versione più snella simile quasi ad un UZI.

Nella versione 19-01 che è in pratica la seconda il fucile adotta un selettore di tiro in 3 posizioni , con caricatore da 30 colpi e camerato per il 9×19 fu prodotto in versioni ridotte; in conclusione questo SMG non ha nulla da invidiare ad un UZI e similari, ed è un ottimo fucile d’assalto.

La versione SN che è quella della foto fu messa in produzione nel 2008 e tutt’oggi è ancora presente.

9×18 MAKAROV

Boris V. Semin progettò questa cartuccia verso la fine degli anni 40; sugli studi della 9mm Browning short andando a sostituire la cartuccia 7,62×25 Tokarev; la produzione cominciò a partire dagli inizi degli anni 50.

Il 9×18 Makarov è di tipo rimless , ha una penetrazione minore del 9x19mm anche se molto affidabile e molto simile come prestazioni al 9×17 o 9 corto, per ovviare la problema di scarsa penetrazione ne fu progettata un altra con l’obbiettivo di aumentare la capienza di carica di polvere del 30% e con palla tronco conica in acciaio temprato (secondo me perforante però…..); la PMM può essere sparata da mitragliatrici!

VLOG SUL CALIBRO 17HMR

QUESTA CARTUCCIA A PERCUSSIONE ANULARE CIOE’ CHE LA PERCUSSIONE AVVIENE PERIFERICAMENTE DAL BOSSOLO; QUESTE CARTUCCE VENNERO SVILUPPATE DAL COLONNELLO BENNET NEL ARSENALE DI PHILADELPHIA… MA RITORNANDO AL NOSTRO PROIETTILE CHE E’ BASATO SULLA CARTUCCIA 22WMR CON LA DIFFERENZA CHE HA IL COLLETTO PIU’ STRETTO E UN OGIVA DI 4,5MM ED E’ ANCHE MOLTO PIU’ LEGGERA ED AEREODINAMICA E SOPRATTUTTO ECONOMICA.

LA SUA PROGETTAZIONE FU FATTA DALLA COLLABORAZIONE DI TRE AZIENDE MOLTO NOTE NEL CAMPO ARMIERO CHE SONO HORNADY,MERLIN,RUGER E INTRODOTTA AGLI INIZI DEGLI ANNI 2000.

REVOLVER KERR(qualche info)…..

QUESTO REVOLVER FU PROGETTATO SU LICENZA IN INGHILTERRA DALLA LONDON ARMORY COMPANY, CHE NE PRODUSSE CIRCA 11.000 ESMPLARI; IL MODELLO 1862 CIOE’ QUELLO DELLA MARINA SPAGNOLA FU REGOLAMENTATO DALLA ROYAL ORDER NEL 22 FEBBRAIO DEL 1862.

QUEST’ARMA FU PRODOTTA DAL 1959 AL 1866 DAL COSTO DI 18 DOLLARI CAD.1 FU UTILIZZATO DAGLI AMERICANI NELLA GUERRA CIVILE DEGLI STATI UNITI; ERA MOLTO COMPLICATO DA PRODURRE; SUL TELAIO DELL’ARMA ERA INCISO KERR’S PATENT CON A SEGUITO UN NUMERO CHE ERA INCISO ANCHE SUL TAMBURO CHE E’ SUO NUMERO DI SERIE.

IL REVOLVER E’ AD AZIONE SINGOLA CON TAMBURO A 5 COLPI IN 2 CALIBRI IL 36 E IL 44; LA CANNA HA UNA LUNGHEZZA 130mm E UNA LUNGHEZZA TOTALE DI 311mm

riflessioni su varie cartucce

L’8MM REMINGTON MAGNUM è poco precisa per la sua eccessiva potenza e molto simile al 300 whatherby magnum nelle prestazioni ma diversa per forme e angolazioni; il fucile a camerare questa potente cartuccia era l’M700 uscito di produzione negli anni 80′; essendo molto potente è adatta per l’uccisione veloce di selvaggina e adatta ai fucili bolt-action.

Oggi non viene più fabbricata e la sua popolarità non è mai stata un punto a suo favore ed essendo poco gestibile, per il suo forte rinculo data la sua eccessiva potenza non era proprio delicato il tiro e anche di conseguenza pure la precisione; comunque ne derivò un altra cartuccia, progettata nel 1988 e standardizzata un anno dopo; che era il 416 REMINGTON MAGNUM che intendeva emulare le prestazioni balistiche del 416 RIGBY usando un bossolo di dimensioni più piccole del 357H&H; ma con rinculo inferiore al 458 WIN ma balisticamente superiore. Questa cartuccia se ben molto più maneggevole dell’altra in quanto rinculo; causava problemi di estrazione date le sue pressioni elevate; fu un alternativa economica al costoso 416 RIGBY

FUCILE ROSS

cico

Il fucile Ross è un fucile a otturatore scorrevole, prodotto in Canada nel 1903 prima in calibro 303 BRITISH poi nel calibro 280 Ross; che fu la prima cartuccia a raggiungere i 900m/s. Questa cartuccia, nata per il fucile Ross MKII(CAMERATA PER LO PIU’ NEI FUCILI PER USO SPORTIVO); il fucile Ross apparve intorno la seconda del 1890 e fu prodotto negli stabilimenti di CHARLES ROSS in Canada.

UN ESEMPIO DI DESCRIZIONE DI UN FUCILE SIMILE

Il Ross venne prodotto in quantità notevoli, ma si concentrarono più sul renderlo un fucile di precisione invece di rispecchiare i veri bisogni dei soldati al fronte. L’arma era molto delicata, e per avere un corretto funzionamento i soldati dovevano sempre smontarlo e pulirlo per togliere sporco e detriti, che non permetteva il corretto funzionamento; ma non era l’unica l’unico problema, vista la fragilità perché anche il sistema otturatore era molto facile che si deformasse in caso i soldati cercavano di risolvere i problemi di inceppamento.

Il Ross rimase ai Canadesi per molto tempo, ma non riuscì a competere col nuovo fucile inglese nella nuova munizione 7x57mm Mauser. IL FUCILE ROSS RIMASE IN SERVIZIO COME FUCILE DI ADDESTRAMENTO DEI CADETTI DANDO SPAZIO AL NUOVO FUCILE LEE-ENFIELD COME FUCILE DEI SOLDATI AL FRONTE.

VLOG SU POTERE D’ARRESTO E GELATINA BALISTICA

UN ARMA DA FUOCO E’ UNA MACCHINA TERMOBALISTICA CHE GRAZIE ALL’ENERGIA CINETICA PRODOTTA DALL’ESPANSIONE DEI GAS E LA COMBUSTIONE DI UNA POLVERE DA LANCIO E’ IN GRADO DI SCAGLIARE DEI PROIETTILI.

Questa energia sprigionata dall’ arma sommata alla velocità, è capace di rendere un avversario colpito incapace di agire, e questo è detto POTERE D’ARRESTO, infatti la cessione di energia rilasciata dal proiettile al momento dell’impatto fa si che il proietto possa penetrare nel bersaglio rilasciandola per poi attraversarlo. Per testare il potere d’arresto in un arma si fanno dei test e la sua capacità dipende da 3 fattori:

LAVORO MECCANICO DEL PROIETTILE

DEFORMITA’

E VELOCITA’ DEL PROIETTILE

Il lavoro meccanico è quello che compie il proietto quando si fa spazio tra ossa e muscoli in base alla propria energia che esso può sprigionare; poi abbiamo la deformità che indica il rallentamento per deformazione dell’proietto all’momento dell’impatto, e cosi un danno maggiore in una superfice più ampia; poi abbiamo la velocità che dipende dalla sua struttura allungata e aerodinamica che favorisce la penetrazione e il giusto rilascio di energia. Per testare il potere d’arresto di un arma, simulando le viscere di un essere vivente, si usa la gelatina balistica, soprattutto in test militari; che non è altro che una soluzione di polvere gelatinosa mischiata con acqua, che essendo molto elastica simula bene l’impatto con un essere umano o animale. Esistono vari tipi di gelatine tra cui quella di ossa che si ottiene; per idrolisi. Una caratteristica di queste gelatine è che si espandono rigonfiandosi in acqua fredda con un volume molto notevole.

TRG(BREVE DESCRIZIONE)

QUESTO FUCILE FU PROGETTATO DALLA FN CON UN SISTEMA CHE LO FA DIVENTARE UN FUCILE DA CECCHINO DALLA NASCITA, PER SPARARE MUNIZIONI CON UNA POTENZA ECCELSA (esempio il 338 Lapua); IL SUO FUNZIONAMENTO E’ DI TIPO STABILE ( CIOE’ CHE HA BISOGNO DEL AUSILIO DEL TIRATORE PER COMPLETARE L’AZIONE) CON OTTURATORE DI TIPO MAUSER CON CANNA FORGIATA A FREDDO IN CROMO MOLIBDENO E ACCIAIO; LE CARTUCCE DEVONO AVERE UNA LUNGHEZZA MASSIMA DI 95MM PER POTER ESSERE CAMERATE.QUESTA ARMA LUNGA E’ IN SERVIZIO IN 14 PAESI IN TUTTO IL MONDO…..

IL FUCILE HA UN PESO DA SCARICO DI 5.1 KG E UNA LUNGHEZZA TOTALE DI 690MM.