Monthly Archives: maggio 2020

Qualche consiglio su come tarare un ottica!

Dopo aver montato l’ottica sul fucile ed esserci assicurati che sia in linea con l’asse della canna, dobbiamo decidere a quanto sarà il suo punto 0 anche detto azzeramento che in questo caso ipotizziamo 100m che è più o meno un MOA(MINUTE OF EAGLE); a questo punto piazzato il bersaglio a quella distanza e provando a sparare al centro del bersaglio possiamo notare che il colpo non andrà a segno, quindi con un righello si misura la distanza tra il centro del bersaglio al foro del colpo sparato, quella misura poi verrà usata per centrare l’ottica in modo da essere precisi e colpire dove miriamo; per fare ciò dobbiamo regolare il parallasse tenendo a mente che 4 click equivalgono a un MOA e che a ogni click il nostro centro si sposterà di 1,5/2,5cm quando questo sarà allineato perfettamente dovremmo riuscire a mettere 3 colpi nello spazio di una moneta di due euro, in quel caso l’ottica sarà tarata perfettamente.

KALASHNIKOV

kals

Kalashnikov iniziò a interessarsi della progettazione di armi leggere, mentre era convalescente per ferite riportate in battaglia. Quest’arma doveva rimpiazzare, in via definitiva il PPSH41/PPS43; i disegni del progetto vennero presentati nel agosto 1946.L’AK-47 è un fucile d’assalto sovietico, a fuoco selettivo operato a gas e camerato per il 7,62×39 o m43 sovietico. L’ak47 si può definire come un ibrido delle tecnologie precedenti di armi con sistema di bloccaggio del M1 GARAND, e sicura del Remigton 08 e la presa a gas del fucile d’assalto tedesco STG44. IL caricatore standard contiene 30 cartucce, ma esistono caricatori maggiorati da 40 e 75 colpi, il calcio può essere pieghevole o fisso, quello fisso solitamente in legno. Kalashnikov fu anche l’ideatore di molte altre armi tra cui la mitragliatrice PK, che sparava la potente cartuccia (7,62x54R) del fucile MOSIN NAGANT. Nella serie AK ci furono altre evoluzioni( tipo AK100), pensati per trovare uno sbocco commerciale, a livello internazionale delle diffusissime cartucce dei calibri 7,62-5,56-5,45. L’ak47 fu adottato da ben 55 nazioni, ne furono venduti fino ad oggi 100milioni di pezzi. Ai funerali di Kalashnikov  era presente pure Putin, Kalashnikov era l ideatore di un fucile compatto e efficiente inventato per carenza di fuoco della brigata rossa.nini

UNA BREVE DESCRIZIONE SULLA LUPARA

Quest’arma ad anima liscia soprannominata lupara, e usata dalle associazioni criminali del sud Italia; è in pratica un fucile a cui gli hanno ridotto il calcio facendola diventare un arma corta; le canne sono giustapposte con leva sopra la bascula di tipo Greener, la sicura è proprio sotto la leva di sbloccaggio per accedere alla culatta.

Dalla fattura dell’arma credo che l’accoppiamento credo sia fatto in serie(monobloc); è bigrillo( il primo grilletto apre la camera di bascula il secondo funziona come in un classico sistema di scatto cioè una volta premuto libera il cane che in questo caso è interno permettendo lo sparo). Queste armi di solito camerano munizionamento spezzato esempio calibri come 12(18,5mm) oppure 16 e vengono caricate con pallini 7/0; e a parte qualche pezzo fatto da fabbriche di settore quindi con canne mozzate alla di 45cm(come dice la legge in questo caso); e rifinite a dovere per il resto sembrano molto grezze….. però sono pareri:)

338 LAPUA MAGNUM(8,6x70mm)

Questa cartuccia, realizzata per essere camerata in fucili ad otturatore di tipo Mauser(otturatore girevole scorrevole); infatti anche la forma della cartuccia è fatta apposta per agevolare l’inserimento in camera; la palla ha un diametro di 8,6 con una pressione massima espressa in BAR che è di 4700 con una velocità in uscita dalla canna che va dai 885 ai 900 metri al secondo.

Il 338 Lapua, fu fatta propria dalla stessa ditta dopo svariate modifiche; la cartuccia fu progettata su base del 416 RIGBY, il primo lotto di questa cartuccia fu immessa nel mercato verso la metà degli anni 80; poi dal secondo lotto nel 1989 la produzione continua anche nei giorni nostri.

In conclusione la cartuccia nasce come militare, ma quando fu commercializzata anche nel mercato civile fu un successo soprattutto per lo smodato uso per quanto riguarda la caccia; con ottime recensioni e considerata anche molto più potente dello stesso 300 Winchester magnum.

308 WINCHESTER

Questa cartuccia che nacque con la sigla militare 7,62X51MM O 7,62NATO;fu progettata nel 1952 per migliorare il cameramento e l’estrazione in fucili ad otturatore Mauser, in fase di progettazione presero spunto da una cartuccia sperimentale, nominata T65 che era molto simile al 300 Savage; a differenza che il 308Winchester aveva una forma allungata di tipo rimmed con una balistica molto simile al 30-06(7,62x63mm).

QUESTA CARTUCCIA FU APPROVATA SIA DAL SAAMI CHE DAL CIP E REGLAMENTATA DA QUEST’ULTIMA NEL 2008 CONSIDERANDOLA UNA CARTUCCIA MOLTO AFFIDABILE.

Il 308Winchester fu camerato per le prima volta in fucili come il modello 100 sempre di casa Winchester; la sua buona resa e versatilità la resa molto popolare sia in America che in Italia.

REVOLVER GALAND

Questo revolver fu progettato da il figlio di un artigliere francese, e brevettato nel 1868; ed è interessante come arma e anche molto innovativa dato il suo sistema per espellere il bossolo spento; la costruzione di questo revolver a telaio aperto(la definizione telaio aperto sta a significare che il telaio si estende sulla parte superiore del tamburo, e quindi identificato come aperto). I primi esemplari di Galand furono prodotti in Germania nella fabbrica di munizioni Birmingham; nel 1870 fu adottato anche dalla marina imperiale Russa.

Quest’arma fu commercializzata sia per il mercato civile in calibro 12mm che per il mercato militare in 9mm; uscì di produzione nel 1942.

AGGIORNAMENTO DEL FUCILE M24

QUESTA VERSIONE AGGIORNATA E MODIFICATA DEL M24 CHE FU PRODOTTA DALLA SAGE INTERNATIONAL BASANDOSI SUL FUCILE MARKSMAN; E IN DOTAZIONE DAL 2008 AI MARNES AMERICANI DI CUI NE FECERO UN BREVE UTILIZZO MI PARE IN AFGANISTAN.

Il fucile in questione è M39 che fu camerato per la munizione 7,62x51mm(308Winchester che è la versione civile); il suo funzionamento è metastabile a presa a gas a otturatore rotante; è dotato di slitta piccatinny per i vari accessori tipo ottica o torce tattiche; il suo peso non è eccessivo e si aggira intorno ai 7,5kg, e il caricatore staccabile ospita 20 cartucce che hanno una velocità alla bocca al momento dello sparo di circa 850m/s.

ARMIERE GUNS

8×63 bofos

Questa cartuccia a percussione centrale; progettata alla fine del 1920, che in pratica ha la stessa lunghezza di un 30-06 ma con un diametro maggiore e il bordo fresato e molta più energia all’ apice della cartuccia, e con bossolo più lungo della precedente di 2 mm con carica maggiore e palla camiciata, aveva una velocità alla bocca di 760m/s con una potenza di 4100 joule. Adottata dalla Svezia nel 1932 e in servizio fino al 1975 era utilizzata per ri-camerare le mitragliatrici ancora camerate nel calibro 7,62×51; fu utilizzata anche dai tedeschi nel 1939 e prodotta pure una versione in acciaio.

1916 FEDEROV AUTOMAT

Questo fucile prodotto durante l’impero russo, e forse il primo fucile d’assalto; entrò in servizio dal 1915 al 1917 e a metà del 1919 fu rinviata nello stabilimento di KOVATORE del Federov Automat per poi essere ritirato definitivamente dal mercato.

IL FUCILE IN QUESTIONE HA UN FUNZIONAMENTO A CORTO RINCULO IN CALIBRO 6,5X50 ARISAKA(questo calibro fu adottato dall’impero giapponese e prodotto dal 1897 fino alla metà del 1940; in Giappone fu introdotta nel 1936 nella mitragliatrice TYPE 96).

Il Federov è un fucile d’assalto di potenza intermedia dotato di selettore di tiro, le parti del fucile non sono intercambiabili; il caricatore è da 25 colpi con la possibilità di utilizzare stripper clips da 5 colpi; i mirini sono in ferro, ha una lunghezza totale 1.045 ed un peso di 4,4 kg.

FUCILE MONDRAGON

QUESTO FUCILE PROGETTATO SU BASE DI DUE FUCILI A SISTEMA MAUSER CIOE’ L’M1893 CHE FU IL PRIMO FUCILE AD AZIONE GIREVOLE SCORREVOLE AD AZIONE DIRETTA; CHE FU SVILUPPATO INTORNO LA CARTUCCIA 7X57MM CON CARICATORE A 6COLPI; QUESTO MODELLO PRESENTAVA ANCHE UNA CURIOSA OPZIONE CHE ERA IL SELETTORE DI TIRO IN 3 POSIZIONI.

PER GLI ALTRI DUE FUCILI CHE ERANO L’M1894 CHE ERA MOLTO SIMILE AL 93 SOLO CHE RICAMERATO PER USARE CARICATORE A 12 COLPI CON LA CARTUCCIA 7.5X55; PER POI ARRIVARE AL 1908 CHE ERA A SOTTRAZIONE A GAS , AVEVA UN COSTO ELEVATO E UNA BASSA QUALITA’ POTEVA MONTARE SIA STRIPPER CLIP E CARICATORE; AVEVA UNA LUNGHEZZA 1105MM ED UN PESO A VUOTO DI 4,8KG E POTEVA MONTARE SIA MIRE METALLICHE O OTTICHE; LA GITTATA MASSIMA ERA DI 900M ED ERA CAMERATO PER LA CARTUCCIA 7X57 MAUSER, SU QUESTA CARTUCCIA VORREI FARE UN APPUNTO PERCHE’ SECONDO ME E’ CURIOSA LA SUA STORIA…… IL 7X57 MAUSER FU PROGETTATO DA PAUL MAUSER NEL 1892 NEL FUCILE M 1893(CHE SI RICOLLEGA COME SI PUO’ VEDERE) PER POI FARE ALCUNI ESPERIMENTI ANCHE CON I CALIBRI 6,5 E 6MM.

M93 IN 7X57 FU ESPORTATO IN TUTTO IL MONDO; IL PROIETTILE IN SE E’ A NASO TONDO HA UNA VELOCITA’ DI 2300 FPS E IL DIAMETRO REALE DELLA MUNIZIONE E’ DI 7,2 O 284 POLLICI.

« Vecchi articoli